Relazione sul trasferimento: La mia storia di dipendenza e l’inaspettato passaggio alla e-sigaretta elettronica.

This post is also available in: deDeutsch (Tedesco) enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) esEspañol (Spagnolo) pt-ptPortuguês (Portoghese, Portogallo) nlNederlands (Olandese) plpolski (Polacco) ruРусский (Russo)

[Con questo articolo apro la rubrica “Umsteiger berichten”. Gli ex-fumatori che ora sono fumanti e disposti a mostrare i loro volti sono invitati a raccontare la propria storia. Mailt mich einfach an!]

No more smoking? L’argomento era per me come un argomento può essere solo. Anche la discussione con il proprio fallimento nel fumo cose fermare il fumo si trovava anni fa. Non ho più lottato con il mio destino di fumatore frequente e la prospettiva di morire un giorno. Dopo tutto, avevo davvero provato a fondo, avevo smesso di usare metodi diversi più volte e avevo passato periodi di astinenza di diversi mesi. Sapevo perche’ sono sempre tornato alle sigarette: Non a causa del disagio fisico o di un “potere” estremo, ma perché mi mancava davvero qualcosa anche dopo che questi sintomi si erano in gran parte attenuati. Inconsciamente ho provato a sostituirlo con il cibo e così ogni tentativo di smettere di aumentare il mio peso – rimanendo, non è diminuito di nuovo quando ho ricominciato di nuovo. Non molto motivante per riprovare, ma sono riuscito a fare un totale di circa 7 tentativi seri – scrivo “circa” perché non ricordo molto bene i tentativi prima del 40°.

Fumo? Tentativi di arresto del fumo intellettuale e materiale

Chiunque abbia fumato per diversi decenni ha un punto di partenza diverso rispetto a chi ha circa 20 anni. La mia “memoria delle dipendenze” ha avuto molto tempo per svilupparsi. Vengo da una famiglia di fumatori e ricordo le ammonizioni paterne che non dovrei mai iniziare a fumare, perché non si può liberarsene – recitato con una sigaretta in mano. Se avesse bevuto alcolici, me ne aveva già offerto uno prima. Ad ogni modo, quando ripenso: non c’era (e non c’è) nessuno nella mia famiglia che non fuma. Nel cortile della scuola fumare era il mezzo per “appartenere” e circa 20 fumatori già appartenevano a me come mangiare e bere.

“Fumare non mi appartiene più”
– questa è stata la formula del lavaggio del cervello di un amabile “Forentroll” che ha aiutato molte persone con il loro riorientamento mentale in un amichevole forum per smettere di fumare. Ho anche provato e ho seguito i suoi suggerimenti per visualizzare il fumatore interiore e chiederle cosa poteva accettare “invece”. Purtroppo era molto ostinata con me! 🙂 E dopo qualche mese di astinenza, mi sono reso conto con rassegnazione: Sì, fumare mi appartiene! E’ vergognoso, merdoso, in pericolo di vita, ma è un dato di fatto!

Lo stesso era già successo a me nel 1998 quando ho iniziato il erste deutschsprachige Nichtraucher-Tagebuch startete. Mi ero fermato spontaneamente e avevo scoperto il libro di Alan Carr “ Finalmente non fumatori “. Anche il suo metodo è un benefico “lavaggio del cervello”, in cui si impara a introdurre la nicotina come una “bestia” che mente e inganna i fumatori con falsi pretesti, sostenuti dall’industria delle sigarette estremamente malvagia, e quindi li tiene in catene. Tutte le esperienze positive con la sigaretta devono essere ricondotte solo e solo al rilascio dello stress, prodotto dalla carenza di nicotina. Prova: la prima sigaretta del mattino è particolarmente buona, perché non si fumava mentre dormiva e il livello di nicotina è sceso di conseguenza.

Ho onestamente cercato di coltivare il nuovo, spirito ribelle, ho scritto post sul blog quasi ogni giorno e ho motivato molti altri ad iniziare un nuovo tentativo di smettere. Dopo circa tre mesi l’argomento era finito, il “diario” si è esaurito e ho iniziato il mio primo vero e proprio blog: Digital Diary – Vom Sinn des Lebens zum Buchstabenglück. Lì ho notato nel giugno 1999:

Quando ho ricominciato a fumare qualche tempo dopo il completamento del diario per non fumatori, questa era la solita stupidità dei tossicodipendenti: C’è stata un’esperienza di piacere, cerca di vedere se è ancora uno…….. Inoltre, avevo guadagnato molto peso senza più mangiare. Mi sentivo sempre più a disagio nel mio corpo. I polmoni sono stati davvero recuperati, ma i chili in più mi hanno davvero messo in difficoltà. E questo ha lentamente minato la mia motivazione antifumo. Mi sono reso conto che la mia vita, così com’è, la vita essenzialmente sedentaria davanti al monitor, non è così facile da recuperare omettendo un farmaco. La dipendenza passa semplicemente ad altre sostanze – o addirittura diventa priva di sostanze, ad esempio diventando uno stacanovista del lavoro. Avrei dovuto impostare ulteriore disciplina contro di essa: per problematizzare il mangiare come prima di fumare, per fare sport regolarmente, per organizzare deliberatamente l’equilibrio, centro fitness, jogging, massaggi, sauna – ma non ero e non sono pronto per questo. Non voglio girare così tanto intorno al mio stato d’animo, mi annoia e non potrei mai mettere molta energia in cose che mi annoiavano.

Sembra rassegnato, ma all’indomani ho iniziato il tentativo di cambiare sostanzialmente la mia vita. Mi sono trasferito in campagna (e dopo due anni a Berlino), ho scoperto la sauna e il centro fitness, occasionalmente problematizzato le mie abitudini alimentari, ho praticato lo yoga e ho iniziato un altro tentativo di smettere: ora umiliato per quanto riguarda i “metodi spirituali”, ho voluto farlo con Nikotintabletten. Con essa il “potere” è stato mantenuto in gran parte nella briglia, ma mi mancava ancora qualcosa, ogni giorno, anche dopo settimane e mesi. Cosa, per l’amor del cielo?

L’esposizione della bestia nicotina è anche una bugia

nikotinbestieLe compresse di nicotina mi hanno dato nuove, essenziali intuizioni sulla natura della mia dipendenza. Era scritto negli opuscoli che si dovrebbe prendere fino a 15 pastiglie al giorno, ma sono riuscito con quantità molto più piccole, con “pezzi di tavoletta”! Rispetto al tempo di fumo ho ridotto l’apporto di nicotina a un decimo e mi sono sentito bene al riguardo. La “bestia” era molto più innocua di quanto pensassi! Ma comunque: mi mancava qualcosa, a prescindere dalla dose: i tanti rituali del fumo, con cui ho strutturato e “animato” la mia vita quotidiana. Tenere qualcosa in mano, succhiare a volontà, fumare una sigaretta in certe occasioni, per un caffè, dopo un pasto, seduti insieme. Inoltre: in una vita seduta davanti al monitor, l’inalazione è anche una “attività fisica”, che sicuramente mi è mancata. Invece di mangiare sempre bastoncini di verdura o frutta, non era un sostituto soddisfacente.

Forse un dispositivo medico per inalazione? Mi sono guardato intorno per vedere a cosa sono stati prescritti i pazienti polmonari e mi sono imbattuto in una classe di dispositivi costosi che non avevo mai conosciuto prima. Purtroppo, erano troppo grandi e troppo costosi, sembravano ospedali e ovviamente non erano mobili: nessuna vera soluzione! Non avevo neanche le e-sigarette sullo schermo, non c’è da stupirsi nel 2006.

Alla fine, sono tornato di nuovo al “finocchio”: auto-rullato, circa 30 al giorno. Una quantità immensa, che non mi ha fatto bene. I miei sfondi ingialliti rapidamente e la ristrutturazione ha aiutato solo per un breve periodo di tempo. Prima di ricevere visite, ho dovuto ventilare e accendere dei bastoncini d’incenso. Mentre parlavo dovevo tossire sempre più spesso, altrimenti la tosse aumentava e la forma fisica diminuiva. Per non parlare delle enormi somme che ho speso per il tabacco, le foglie e i filtri. Ma dopo tutti i fallimenti non riuscivo più a pensare di fermarmi. Mi sono rassegnato a essere un fumatore – che vuole essere costantemente in una clinica con se stessi?

Dicembre 2014: una normale richiesta del concessionario

Dal momento che gestisco diversi blog, ricevo spesso richieste di informazioni da parte dei concessionari se non sono interessato a una cooperazione. Lo stesso valeva anche per dicembre, ma questa volta si trattava di un’inchiesta di un negozio di sigarette elettroniche a Berlino. Non voglio partecipare con il mio blog al programma di affiliazione per le sigarette elettroniche? Dal momento che uso tali programmi di Amazon o Google abbastanza occasionalmente, questa forma di pubblicità non è strano per me, tuttavia, più di “Peanuts” che porto con sé da nessuna parte, attenzione anche difficilmente anche su di esso.

Ma ehi, sigarette elettroniche? Sui blog di un fumatore incorreggibile? Non si adatta comunque! Stranamente, nel 2014 non avevo notato nulla della crescente cultura dei piroscafi a vapore. Ho fatto domande curiose, alle quali il mio opposto ha risposto con pazienza e in dettaglio. E’ diventato un dialogo che mi ha mostrato un mondo nuovo e mi ha risvegliato la speranza di potermi ancora allontanare dalle sigarette. Perché quello che volevo non era “non fumare”, ma “fumare più sano” – e VAPORING sembrava essere esattamente quello che stavo cercando.

Naturalmente, è stato l’auto-esperimento che mi ha davvero convinto. Ero fuori i calzini, semplicemente estremamente sorpreso di poter passare facilmente alla cottura a vapore senza perdere nulla! Si dovrebbe avvicinarsi comodamente, si dice, quindi un bel fumo “piro”, se l’impulso è grande dopo di esso. Ma non mi stupisce quanto poco sia diventato questo impulso – potrei persino andare in queste occasioni fumante invece di fumare e dimenticare di nuovo il desiderio!

Dopo pochi giorni ho sentito i benefici per la salute: niente più tosse, niente più tosse mattutina – e la sensazione di poter respirare molto più liberamente e meglio. Non è ancora cambiato molto in termini di forma fisica – naturalmente, sono ancora troppo seduto e non sarò in grado di evitare “più esercizio fisico” se le cose vogliono davvero migliorare. Sono solo nella sesta settimana del passaggio all’euro.

E-politica scoperto: a vomitare!

A proposito, sono rapidamente passato dal sottile “Zigalikes” ai set per principianti nel grande formato Kubelschreiber: più vapore, più potenza, più potenza, meglio “Flash”. Durante la ricerca di informazioni sulla cottura a vapore, non solo ho trovato il know-how del piroscafo, ma mi sono anche reso conto con orrore che questo semplice metodo per liberarmi almeno di tutta la sporcizia che viene dal tabacco che brucia non è adatto a molti gruppi di interesse potenti a tutti. Non è davvero un miracolo se si considera che gli stati perdono i soldi dei contribuenti, le compagnie del tabacco perdono clienti, l’industria farmaceutica perde i consumatori di droga per lo svezzamento quando il vapore convince sempre più fumatori.
Dove ci arriviamo? Non e’ permesso! C’è quindi una pressione politica per vedere cosa può fare. Anche istituzioni come l’OMS (ora quasi esclusivamente finanziate da BigPharma) bekämpfen die E-Zigarette. E sempre più spesso la stampa, che a un esame più attento non ha alcun fondamento, trasmette informazioni selvagge sul “pericolo del vapore”. Ma rimane sempre quale impiccagione….. Chi non è ancora la politica disincantata, deve cambiare solo a vapore, per diventarlo!

Ma questa è un’altra storia che scriveremo tutti in grande stile. Dopo tutto ci sono anche medici e scienziati, che non si lasciano coinvolgere per una politica di interessi disprezzosi, ma zur Förderung der E-Zigarette aufrufen. Ho fumato a vapore per cinque settimane e da allora ho fumato solo qualche “piros” da allora, nemmeno per giorni. Come molti principianti sono nella fase di ricerca dei miei liquidi preferiti. Uno, che ha un sapore come il vecchio affumicato in passato affumicato autogiro, non troverò, perché da combustione tabacco ha un sapore ora volte diverso che nel vapore. Ma ora vengo a conoscere innumerevoli nuovi gusti, anche lontano dall’argomento “tabacco”.

L’impulso per questo cambiamento essenziale della mia vita è venuto da un simpatico trader! Gli sono grato di non averlo lasciato ad un “Scusa, poi semplicemente non”, quando mi sono espresso piuttosto scettico e scettico sul vapore. Senza questo intenso dialogo postale su “tutto sul vapore” non sarei cambiato e continuerei a fumare due pacchetti in tre giorni, se questo è sufficiente….. Quando ho partecipato a vari forum sui battelli a vapore, ho incontrato persone in luoghi che, per qualsiasi motivo, rifiutano i concessionari e qualsiasi forma di cooperazione con loro. Non lo capisco, perché: quale sarebbe la scena del piroscafo senza i commercianti che comprano tutta la roba per noi?

Anche questo aspetto è un argomento che avrebbe bisogno di un proprio approfondimento. Come ci sono innumerevoli argomenti sul tavolo sulla cottura a vapore che vale la pena di discutere. E’ per questo che ho iniziato questo blog dopo quattro settimane di cottura a vapore. Non ha ancora trovato tutti i suoi argomenti, ma mi è ormai chiaro: si rivolge a persone interessate a cambiare, non necessariamente alla scena dei battelli a vapore. Perché ogni trasferimento contribuisce al fatto che diventa sempre più difficile per la politica con il “modo in cui il regolamento? Mi auguro che tutti, che combattono il Dampfen, nel cerchio di amici e conoscenti sempre più frequentemente su “fumatori salvati” incontro, che è diventato piroscafi e dire: Si gira allora?

Voglio essere coinvolto nella realizzazione di tutto questo. E per il resto vapore contento!

***

Più storie di transizione:

Summary
Relazione sul trasferimento: La mia storia di dipendenza e l'inaspettato passaggio alla e-sigaretta elettronica.
Article Name
Relazione sul trasferimento: La mia storia di dipendenza e l'inaspettato passaggio alla e-sigaretta elettronica.
Description
Non si fuma più? L'argomento è stato per me come un argomento può essere solo. Anche la discussione con il proprio fallimento nel fumo cose fermare il fumo si trovava anni fa.
Author
Publisher Name
my-eliquid
Publisher Logo

Leave a Reply

Required fields are marked *.